Aversa: città oasi felice o pattumiera?

Aversa 19/12/2010

“Aversa città felice e senza rifiuti”, così l’ha definita l’assessore all’ambiete Luciano Luciano, sarà vero?

E’ da settembre 2010 che una nuova azienda privata, la SENESI, ha vinto l’appalto per la raccolta dei rifiuti e lo spazzamento della città, ma a ben guardare è solo cambiato il direttore dell’orchestra ma i musicisti sono gli stessi e tranne lo svuotamento dei cassonetti per il resto la città versa in uno stato pietoso.

L’impressione è che manchi un piano di lavoro che indichi le cadenze con le quali spazzare le strade, gli interventi vengono effettuati sempre in emergenza e dopo le segnalazioni nostre o dei cittadini.

Anche la pulizia delle strade fatte con i mezzi automatici non serve a nulla, la stessa viene efettuata sempre di giorno e in orario lavorativo, con il risultato che il mezzo dotato di spazzole trova ai bordi delle strade le auto parcheggiate, con il risultato di pulire dove è già pulito.

Anche lo svuotamento dei cassonetti viene effettuato durante la giornata, a quanti non è capitato di trovarsi bloccato su viale Kennedy all’altezza dello spartitraffico, perchè avanti c’era il camion a caricare i cassonetti.

Insomma una situazione ai limiti dei ridicolo, in altre città civili alle 07:00 i cassonetti sono già vuoti e le strade pulite, ma forse il cambio di turno degli operai serve per risparmiare sugli stipendi, che sicuramente nei turni notturni sono più alti.

Tempo fa documentammo quello che è l’unico polmone verde della città e lo stato nel quale versava il parcheggio al suo interno, a dire il vero la nostra segnalazione fece presa sulle cosciente dei nostri amministratori, che il giorno dopo mandarono a ripulire la zona.

Purtroppo quella solerzia è rimasta un caso isolato e oggi ci ritroviamo a dover documentare l’ennesima piazza della città ridotta ad una discarica.

Siamo in via Filippo Saporito di fronte al poliambulatorio, quì la situazione è vergognosa, lo spazzamento e la raccolta dei rifiuti non viene effettuata da anni, ci sono cumuli di rifiuti putrescenti che creano anche problemi igienico sanitari, oltre al pericolo per le molte bottiglie di vetro rotte.
Warning: video ID not specified!

Il Comitato Strisce Blu si sta impegnando a 360gradi per migliorare la vivibilità della città di Aversa anche segnalando episodi di questo tipo.

Ma una riflessione è d’obbligo, perchè dobbiamo essere sempre noi a segnalare?

Possibile che nessuno di questa amministrazione scenda in strada per verificare in che condizione è la città?
Possibile che anche con una società privata riusciamo a tenere pulita la città?

Speriamo che questa nostra segnalazione risvegli le assopite coscienze di chi viene da noi pagato per amministrare al meglio la città.

Giuseppe Oliva

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>